16 settembre 2014 - ESAME CERTIFICATORI ENERGETICI

 

Si ricorda a tutti i professionisti interessati a partecipare alla prova di accertamento per la Certificazione Energetica che l’esame si svolgerà presso la sede del Collegio dei Geometri della Valle d’Aosta (Piazza Narbonne,16 - Aosta) il giorno martedì 16 settembre alle ore 14:30.

Per accedere alla prova di accertamento occorre far pervenire alla segreteria del Collegio via e-mail sede@collegio.geometri.ao.it, la propria richiesta.


Si ricorda che per poter sostenere la prova di accertamento occorre presentarsi muniti di un documento di identità in corso di validità.

Vai al sito del Collegio www.collegio.geometri.ao.it

inserito il 11-09-14
14° Mostra Internazionale di Architettura

Fundamentals

14° Mostra Internazionale di Architettura

Venezia - Giardini e Arsenale
7 giugno - 23 novembre 2014

La Fondazione La Biennale di Venezia e il CNAPPC hanno firmato una convenzione in cui si pattuiscono le seguenti agevolazioni per gli architetti iscritti agli Ordini d'Italia:

La partecipazione alla mostra, opportunamente documentata, prevede l'acquisizione di 2 CFP.

Per usufruire delle agevolazioni è necessario presentare copia della mail del CNAPPC pervenuta agli Ordini il 21 maggio u.s.

La Biennale non è tenuta a rilasciare attestati di partecipazione, dichiarazioni o altro. I CFP potranno essere richiesti direttamente all'Ordine di appartenenza compilato il modulo scaricabile alla pagina Formazione.

Mail 21 maggio + Convenzione

inserito il 05-09-14
Mostra - CdAQ - Courmayeur

Museo della Montagna Duca degli Abruzzi, Courmayeur

Mostra “2000 metri sopra le cose umane. I rifugi alpini: storia, tipologia, funzioni – mostra curata dall'Associazione Cantieri d’Alta Quota, è un percorso lungo l'intero spazio alpino (dalla Francia alla Slovenia) e nel tempo (dal 1750 alla stretta attualità) attraverso una sequenza di suggestive immagini d'epoca e disegni, affiancati da recenti foto a colori d'autore e progetti riprodotti in grande formato.
La mostra, realizzata grazie alla collaborazione dell'Accademia di Architettura dell'Università della Svizzera Italiana di Mendrisio, è costituita da 36 teli, di cui 6 introduttivi che ripercorrono l’evoluzione cronologica della tipologia del rifugio e 30 suddivisi in 5 temi (riparo, bivacco, tecnologia, comfort, paesaggio), con la presentazione di 25 casi studio di rifugi e bivacchi distribuiti sull'intero arco alpino.

Permette l’acquisizione di 1 crediti formativi per architetti (in attesa di conferma dal CNAPPC).
Costo dell’evento:
euro 5,00 costo ingresso al Museo fino al 30 settembre.

Mostra 2000 metri sopra le cose umane. I rifugi alpini: storia, tipologia, funzioni

 

inserito il 02-09-14
COMPETENZE - Sentenza Consiglio di Stato

Si trasmette Sentenza del Consiglio di Stato 21/2014 del 9 gennaio, in cui si afferma in via definitiva che per immobili di interesse storico ed artistico le prestazioni professionali inerenti il restauro sono di competenza degli Architetti, in particolare per la DL ma tanto più, evidentemente , per i progetti.
Si allegano altresì commento del Consiglio Nazionale e lettera redatta dalla Federazione Interregionale Architetti PPC del Piemonte e Valle d’Aosta.

La Sentenza ribadisce che nel campo del restauro non vi può essere co-partecipazione tra differenti figure professionali (ad esempio un architetto e un ingegnere), pertanto devono essere chiaramente distinti ed evidenziati gli apporti di ciascun professionista.

La sentenza naturalmente non nega la possibilità che altri professionisti tecnici partecipino ai restauri, in una logica di sinergia di saperi e competenze, ma rimane obbligata la responsabilità e il coordinamento dell'architetto.

Altrettanto importante appare la chiarezza fatta dal Consiglio di Stato sulla supposta equiparazione di architetti e ingegneri, per il tramite delle Direttive comunitarie, che viene invece esclusa .

Scarica

inserito il 02-09-14
Evento Mollino

VENERDI' 26 SETTEMBRE 2014

Gressoney-Saint-Jean
comprensorio sciistico di Weissmatten
Palazzetto dello Sport

Gli architetti Luciano Bolzoni, Beppe Nebbia e Guido Callegari presenteranno la figura di Carlo Mollino, attraverso le sue opere inserite nel contesto alpino.

Si propongono due modalità per partecipare all'evento:

Procedi con l'iscrizione

inserito il 05-09-14
Nuove Funivie del Monte Bianco - visita cantieri

NUOVE FUNIVIE DEL MONTE BIANCO
VISITA CANTIERI

Visto l'interesse suscitato si ripropongono le visite presso i cantieri delle Nuove Funivie del Monte Bianco.

L'appuntamento è per martedì 30 settembre e si svilupperà indicativamente secondo il seguente programma:

Seguiranno ulteriori indicazioni su posti disponibili, costi, modalità di iscrizione.

Evento valido per aggiornamento sicurezza CSP/CSE ai sensi del D.Lgs 81/2008 e per la formazione continua.

Si stanno concordando ulteriori date per visite nel mese di ottobre.

inserito il 02-09-14
Restauro - Giornata di studio

GIOVEDI' 30 OTTOBRE 2014
AOSTA

Conservazione e Restauro del costruito, a cinquant’anni dalla Carta Internazionale del Restauro di Venezia

Evento coordinato dal prof.arch. Mario Dalla Costa

La giornata si svolgerà a Palazzo Regionale dalle 9,00 alle 16,30.

Programma e dettagli logistici in fase di definizione.

inserito il 02-09-14
Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Dal 6 giugno 2014 è in vigore per i professionisti e le imprese l'obbligo di emettere fattura elettronica verso le amministrazioni centrali dello Stato. A partire dal 31 marzo 2015 l'obbligo verrà esteso a tutte le altre amministrazioni pubbliche
La fattura elettronica va emessa alle Amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato dello Stato e quindi i Ministeri, ivi inclusi gli uffici periferici e territoriali (tra cui anche le Scuole e l'Arma dei Carabinieri), le Agenzie fiscali e gli enti nazionali di previdenza.

Per visionare l'elenco completo degli enti a cui si applica la disposizione è possibile far riferimento al file di monitoraggio pubblicato sul sito www.agid.gov.it.

La stessa disposizione si applicherà, dal 31 marzo 2015, ai restanti enti nazionali. Inoltre, a partire dai tre mesi successivi a queste date, le P.A. non potranno procedere al pagamento, neppure parziale, fino all'invio del documento in forma elettronica.

Le informazioni utili sull'argomento, la normativa di riferimento, la documentazione tecnica sulla fattura elettronica, le modalità di trasmissione e i servizi di supporto e assistenza, sono disponibili sul sito dedicato www.fatturapa.gov.it.

Si comunica che Inarcassa ha stipulato una convenzione con la Banca Popolare di Sondrio, al fine di permettere agli iscritti l’emissione e la conservazione (archiviazione sostitutiva) delle fatture secondo le modalità richieste dalla legge.

Chi fosse interessato può rivolgersi alla filiale della Banca Popolare di Sondrio di Aosta (corso Battaglione Aosta, 79 – 0165-21841 – dott. Bregolato).

Scarica il prospetto dei Servizi offerti in convenzione.

inserito il 06-09-14
Elenco Prezzi 2014 R.A.V.A.


Si comunica che con D.G.R n. 1204 del 29 agosto 2014 è stato approvato l’aggiornamento, per l’anno 2014, dell’elenco prezzi regionale previsto dall’art. 42 della legge regionale 20 giugno 1996 n. 12, in materia di lavori pubblici


Scarica il prezziario EP2014 – R.A.V.A.

In virtù della collaborazione con gli uffici dell’Assessorato regionale opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica - Dipartimento Opere pubbliche e edilizia residenziale - Programmazione e valutazione investimenti, finalizzata all’aggiornamento annuale dell’Elenco Prezzi regionale, gli Ordini e i Collegi professionali richiedono ai propri iscritti di formulare osservazioni sull’Elenco Prezzi vigente, affinché si possa elaborare di anno in anno un documento aggiornato e più preciso nei suoi contenuti.

Per tale motivo si richiede il Vostro prezioso contributo per inoltrare segnalazioni in merito.
Compilando la scheda qui allegata potrete infatti segnalare errori, anomalie o incoerenze delle voci già presenti in Elenco Prezzi, piuttosto che proporre modifiche alle stesse.

Le schede compilate vanno poi inviate alla Segreteria dell’Ordine (info@ordinearchitettivda.org) in qualsiasi momento dell'anno: si provvederà ad analizzare e organizzare le osservazioni per trasmetterle periodicamente agli uffici competenti.

inserito il 06-09-14
Dissestoitalia

E' ancora possibile firmare la petizione per la richiesta
di interventi di manutenzione e prevenzione del rischio idrogeologico


RISCHIO IDROGEOLOGICO: METTIAMO IN SICUREZZA IL PAESE ORA! AL VIA LA PETIZIONE SUL WEB DI ANCE, ARCHITETTI, GEOLOGI E LEGAMBIENTE

L'Italia è di nuovo in ginocchio per il maltempo: Roma, la Sardegna e tutte le regioni del Sud sono per l'ennesima volta in stato di allerta. Non aspettiamo l'autunno per correre ai ripari. Partiamo subito, sbloccando le risorse disponibili per gli interventi di manutenzione e prevenzione del rischio.

E' questo l'appello che Ance, Architetti, Geologi e Legambiente lanciano al Governo Renzi in una petizione pubblica, all'interno del sito www.dissestoitalia.it, e che ha già riscosso l'interesse di nomi illustri del mondo delle istituzioni, della politica e dell'informazione.

Non è più accettabile che ogni anno si spenda circa 1 miliardo per riparare i danni provocati da frane, alluvioni e allagamenti e poco più di 100 milioni per prevenirli. Danni che negli ultimi 12 anni sono costati la vita a 300 persone, solo l'anno scorso a 24.

Per questo la rete di imprenditori, professionisti e ambientalisti, che a febbraio scorso è stata promotrice di #DissestoItalia, l'inchiesta multimediale sul dissesto idrogeologico realizzata dai giornalisti indipendenti di Next New Media, chiama all'appello il Governo e l'attenzione dell'opinione pubblica con tre richieste forti per uscire dall'emergenza:

1) far partire entro l'estate un Piano unico nazionale di manutenzione e prevenzione
2) liberare tutte le risorse già stanziate che Stato e enti locali non sono riusciti a spendere a causa dei vincoli del Patto di stabilità e reperirne di nuove attraverso i Fondi strutturali,
3) garantire a livello nazionale un controllo sulla qualità dei progetti e degli interventi ispirati a un modello di sostenibilità ambientale ed economica, efficacia, trasparenza delle regole e delle procedure.

Tempi brevi, risorse adeguate e regole trasparenti: solo così potremo ridare tranquillità ai cittadini ed evitare la tragica conta di danni e vittime che da anni siamo costretti a fare.

http://www.dissestoitalia.it/

inserito il 06-09-14
Letto per voi - Appalto, errori di progettazione e responsabilità

 

Nell’ambito del contratto di appalto, una delle questione di maggior interesse riguarda i profili di responsabilità “a cascata” che potrebbero essere individuati nei rapporti intercorrenti (sulla base, appunto del predetto contratto o di contratto d’opera) tra le varie parti (committente, appaltatore, progettista e direttore lavori) coinvolte nell’esecuzione dell’opera, che risulti in qualche modo viziata o difettosa.

Sull’argomento è intervenuta una recente sentenza del Tribunale di Reggio Emilia, n. 988 del 27.6.2014 (est. Morlini), la quale affronta ed esamina nel dettaglio proprio le posizioni dei vari soggetti, e le conseguenti (cor)responsabilità esistenti nei confronti del committente dei lavori.

[tratto da Studio Legale Magri – leggi tutto]

 

inserito il 06-09-14
Letto per voi - Compenso professionale troppo basso, lesivo della dignità professionale


LECCE - Un compenso troppo basso per l’ingegnere responsabile del servizio di protezione e prevenzione di una scuola: il Tar annulla il bando di gara.

La sentenza, accogliendo il ricorso proposto dall’Ordine degli Ingegneri difeso dall’Avv. Pietro Quinto, ha annullato il bando di gara dell’istituto Professionale “Falcone e Borsellino” di Galatina per il conferimento di un incarico di “Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione” per un compenso omnicomprensivo di spese ed oneri di € 1.500,00.

Nel ricorso si evidenziava la complessità e responsabilità delle prestazioni richieste (incarico di “Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione” al professionista a fronte di un compenso del tutto inadeguato, ed anzi irrisorio, lesivo della dignità della professione di ingegnere, per la qual cosa agiva in giudizio l’Ordine degli Ingegneri. [tratto trnews.it]

Cita la sentenza: “la determinazione dell’importo dell’affidamento non può essere connotata da arbitrarietà: le stazioni appaltanti non possono, quindi, porre a base di gara un importo senza un minimo di analisi che consenta di comprendere le modalità esatte di determinazione dell’importo e senza motivare il percorso tecnico-logico seguito nella determinazione del valore stesso”.

Leggi la sentenza

inserito il 06-09-14